Tutela dell’ ambiente e sociale: queste le richieste dell’ Associazionismo petilino in vista delle Comunali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Come vedono le Comunali del 3 e 4 ottobre le Associazioni culturali e di volontariato presenti sul territorio di Petilia Policastro?  Una Cittadina  “diversa” è possibile almeno a detta del circolo territoriale di Legambiente “Valle del Tacina” presieduto da la presidente Luigi Concio che, alla vigilia delle Elezioni  comunali mentre i due candidati a Sindaco e le due liste contrapposte si stanno confrontando con la popolazione alla ricerca di idee e di consensi, ha riproposto alla riflessione non solo ambientali.                                                                                                         

 “Una città è sostenibile e bella – scrivono gli ambientalisti della cittadina dell’alto Marchesato crotonese – se tutela il proprio patrimonio storico culturale, ambientale e paesaggistico”. In quest’ottica diventa importante “il recupero del centro storico, anche come luogo e risorsa di valore testimoniale” mentre adesso è caratterizzato dal degrado e dallo spopolamento.

“L’area urbana di Petilia Policastro – si legge nella nota di “Legambiente”  – è stata gravemente deturpata dall’abusivismo edilizio che determinò, a partire dagli anni ’70, il saccheggio del territorio, un abnorme consumo di suolo, creando i presupposti di una situazione di grave dissesto idrogeologico. E’ importante avviare una profonda azione di risanamento per tutte quelle aree, quei quartieri, che si trovano in uno stato di dissesto idrogeologico.  Attualmente – come si osserva nella nota – l’edificato è un continuum di costruzioni incomplete e parzialmente abitate che si snodano dal centro urbano fino in periferia, alle frazioni”. La proposta degli Ambientalisti è quella di una “riqualificazione del territorio urbano che dovrà ripartire dalla salvaguardia dei pochi spazi urbani rimasti in edificati e destinarli al verde”.

In quest’ottica occorrerebbe individuare un sistema integrato di aree e di parchi urbani partendo dai contributi progettuali che rappresentanti della società civile ed istituzionale hanno già realizzato gratuitamente negli scorsi anni.  Il Liceo scientifico “Raffaele Lombardi Satriani” ha per esempio proposto da più anni il percorso delle “piante officinali e della salute” che collega l’area urbana con la località Castagnella ed  il torrente Cropa lungo l’antico traturo che collegava il centro abitato e località San Demetrio.                       

 Impegnata dal 2017 in attività culturali come il recente “Giugno Policastrese del Libro” e di volontariato l’Associazione “Nel Cuore Solo Petilia” della neo presidentessa Angela Miletta ha voluto incontrare nella propria sede decentrata di Pagliarelle dove negli ultimi mesi grazie ad alcune donazioni di libri è nata una biblioteca a disposizione della popolazione della maggiore frazione petilina i due candidati sindaco Giovambattiosta Scordamaglia e Simone Saporito.  Alla presenza anche dei candidati al Consiglio comunale è toccato ad Angela Miletta sottolineare la  poca attenzione sino ad oggi rivolta dagli Amministratori cittadine alle fasce deboli della popolazione come gli anziani ed i diversamente abili.

“Il Comune – a detta della Miletta – non ha bisogno soltanto di strade ma anche di umanità, cercando di non lasciare solo chi ha bisogno. Noi dell’associazione nel cuore solo Petilia insieme alle sue frazioni vogliamo dire basta alle false promesse è chiediamo di ascoltarci a loro, chiediamo collaborazione e impegno. Partiremo da chi assumerà la responsabilità di questo grave problema ch’è e l’indfferenza verso i disabili, anziani e ragazzi soli”.

Francesco Rizza

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp