“Tantu Tiempu Fa” ultimo album di Raffaella Caruso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

  “Tantu Tiempu Fa” è  il nuovo album dell’artista e cantante calabrese,  Raffaella Caruso che a distanza di un paio di mesi dall’ultima pubblicazione musicale ha offerto, ai propri ascoltatori, un avvincente reportage musicale nella storia calabrese. Sei dei 12 brani del nuovo album     sono stati  scritti da Raffaella Caruso e composti da Renato Caruso, uno è un brano strumentale composto da Renato Caruso, e tre sono cover di brani celebri della tradizione musicale calabrese, comprese due cover di Otello Profazio e Elio Cuntu: “Cu Trenta Carrini” e “Furtuna”: a questi si aggiungono “Tata Ca Muoru”,  A musica”; “Calabrisella”; “Cu trenta carrini “; “Furtuna”; “Iddra nun sa” “Na Sirata i primavera”; “Ninna e dorme”; “Tanto tiampu fa”; “Tarantellina di Caruso”; “Tata ca muaru” e “Vita amara”.

  Le canzoni parlano dell’amore per il marito, per i figli, dell’amore non ricambiato, dell’amore per la vita e per la musica. L’uscita di questo album, dopo due anni di ricerca e di lavoro, è la realizzazione della mia vita musicale. Questo album, scritto e cantato in dialetto, è un invito a riscoprire le nostre tradizioni e i valori del passato per vivere meglio il presente e proiettarsi verso un futuro migliore, tenendo conto delle cose importanti, che contano davvero. L’album è stato prodotto da Prodotto da Renato Caruso e Domenico Scordamaglia presso il CabStudio Recording di Petilia Policastro.

“Tantu  tiempu fa – ha scritto Sara Rigamonti di “Parole & Dintorni” che ha affiancato Raffaella Caruso nella realizzazione degli ultimi album  –   è un cammino dentro il mondo della poesia, dove l’amore è il tema dominante – racconta Raffaella-  Le canzoni parlano dell’amore per il marito, per i figli, dell’amore non ricambiato, dell’amore per la vita e per la musica. L’uscita di questo album, dopo due anni di ricerca e di lavoro, è la realizzazione della mia vita musicale. Questo album, scritto e cantato in dialetto, è un invito a riscoprire le nostre tradizioni e i valori del passato per vivere meglio il presente e proiettarsi verso un futuro migliore, tenendo conto delle cose importanti, che contano davvero”.

Francesco Rizza

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp