Speciale Mesoraca

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

La Città di San Zosimo

La diffusione in tutta la regione Calabria ci ha dato modo di far conoscere ancor di più la nostra rivista e di allargare i nostri orizzonti e interessi culturali oltre i confini regionali; infatti, ci stiamo preparando per una diffusione, viste le richieste, anche in altre regioni dell’Italia Meridionale: Sicilia, Campania, Puglia, Basilicata e in alcune città importanti dell’Italia settentrionale e all’estero. 25.000 sono le visite sul nostro sito e, come promesso ai nostri lettori che ci seguono da tutto il mondo, lo potenzieremo e arricchiremo nell’imminente futuro.
In questo numero: La ‘Varia’ di Palmi diventa patrimonio immateriale dell’UNESCO e come in ogni numero, la natura, l’ambiente e il territorio sono parte integrante della rivista. Nelle prime pagine parleremo del cervo che dimora nei boschi della Sila e di funghi genere Lactarius; non ci facciamo mancare neanche le bellissime escursioni, che ci regala la nostra terra, questa volta sottoterra nelle straordinarie grotte carsiche di Verzino a pag.52; Nuove collaborazioni ci aiutano ad arricchire sempre di più i nostri numeri: i ruderi dell’Abbazia del Corazzo a pag. 50 con il prof. Ciro Romano della Federico II di Napoli, a pag. 55 lo scrittore Salvatore Mongiardo ci propone lo stile di Vita Pitagorico come panacea per ogni rimedio ed infine a pag. 60 nella giungla di una disastrosa economia l’articolo di Salvatore Lucà, “Invece di sostenere la ripresa il sistema bancario abbandona la Calabria”. Lo speciale di questo numero è dedicato a Mesoraca, la Città di San Zosimo Papa. Le caratteristiche, geografiche e morfologiche di Mesoraca, assomigliano ad una lingua di terra separata da due tortuosi, ma straordinari fiumi: il Reazio e il Vergari, da cui sembrerebbe che ne derivi il nome Mesoraca (meso-ruakion = ruscello che scorre di mezzo). Questi fiumi sono ricchi di insenature, “canyon” scavati nei millenni nella roccia, con cascate fragorose e bellissimi ‘vuddi’, meta di divertimento per tanti ragazzi; fonti inesauribili di energia, che per secoli hanno alimentato mulini. Oggi questi fiumi giovano al fabbisogno irriguo per le tantissime attività agricole e per le masserie delle marine, contribuendo allo sviluppo economico del luogo. Il territorio quasi interamente ricoperto a nord da rigogliosi boschi di faggete, conifere e castagneti, ricco di vallate che confluiscono verso oriente in fertili colline dove incontrastato padroneggia l’ulivo, caratteristiche di un territorio che sfata luoghi comuni di una regione fatta di fiumare o di brulle secche colline. Antichissimo borgo di origine greca, fondata dagli Enotri, Mesoraca cambia nome durante il corso della sua lunga storia, da Reazio a Messurga in seguito Maioraca ed in fine all’attuale Mesoraca. Patria di San Zosimo Papa dal 417 al 418, con i suoi tanti monumenti religiosi, (il Santuario dell’Ecce Homo, il Ritiro e la Chiesa dell’Annunziata ecc.), ricchi di opere d’arte e di suggestione, che hanno spinto nei secoli uomini ad abitare e coltivare questa straordinaria e ricca area della Calabria, che merita una gita fuori porta per i più vicini e che accoglie i più lontani con le sue strutture recettive. Mesoraca oggi è un laborioso paese, fatto di gente caparbia e decisa che emigra ma che non taglia i legami con la propria terra anzi li rafforza con orgoglio e voglia di migliorare il proprio territorio (il gemellaggio con Ponte Tresa ne è prova tangibile).

Buona lettura.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp