Sciacallaggio sessita a Reggio Calabria. La candidata sindaco Angela Marcianò denuncia un fotomontaggio fatto circolare su Whatsapp.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

“E’ successa – ha affermato la candidata a sindaco – una cosa ignobile. Su whatsapp girava una mia foto, un fotomontaggio a dir poco pornografico. Adesso lo urlo alla città, alle femministe e ai garanti che finanche sono arrivati a strumentalizzare la foto con mio figlio in braccio accusandomi di utilizzarlo per la campagna elettorale. Adesso cosa diranno le femministe che c’è un candidato donna che deve subire un fotomontaggio fatto da gente ignobile?”.

Non la manda certamente a dire la sua giusta indignazione  Angela Marcianò, candidata a sindaco di Reggio Calabria,dopo che alcuni giorni fa, su Whatsapp è circolato un fotomontaggio   con  un corpo femminile completamente nudo cui era stato attaccato il suo volto. La pubblica presa di posizione nel corso di un comizio pubblico per il rinnovo del Consiglio comunale reggino, dove è candidata come sindaco, dopo la denuncia alla polizia postale .

Rivolgendosi  agli autori del fotomontaggio ha aggiunto: “vergognatevi, scendete a queste bassezze vili, luride. Noi queste cose le denunceremo sempre. Pensate, era una semplice foto di un mio discorso nel mio paese, a Villa San Giuseppe, dov’ero commossa perché parlavo davanti ai ragazzi che sono cresciuti con me. Ero veramente emozionata in mezzo alla mia gente e di questo hanno fatto un fotomontaggio pornografico: questa cosa non la nascondo, la urlo”.

 “Sono felice – afferma al Marcianò –  che abbiano questa paura, continuate ad attaccarci, inventatene anche un’altra. C’è una differenza tra noi e voi: noi siamo liberi, non abbiamo padroni. C’è un gap che non recupererete mai e poi mai”, ha concluso la Marcianò, ex assessore della giunta Falcomatà, sostenuta nella sua corsa a sindaco dal Movimento sociale italiano e dalle liste civiche “In Marcia”, “Identita’ reggina” e “Per Reggio città metropolitana”.

Francesco Rizza

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp