PETILIA POLICASTRO: l’Istituto superiore “Lombardi Satriani” si apre all’ Europa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

 

Buone notizie per l’Istituto superiore “Raffaele Lombardi Satriani” che consolida la propria offerta formativa. Grazie ad un finanziamento dell’Unione Europea, già dall’anno scolastico in corso, potrà essere messo in campo un progetto di partenariato di piccola scala intitolato “A Different Model in Interdisciplinary Teaching – Physical Education and STEAM”. Si tratta di un progetto fortemente voluto dalla dirigente scolastica Antonella Parisi che dal proprio arrivo a Petilia è impegnata a sostenere una maggiore apertura della scuola verso la realtà europea per formare giovani diplomati pronti a muoversi e a proporsi sul mercato del lavoro internazionale. Grazie al team costituito dai docenti Angela Bonofiglio,  Anastasia Carvelli e Francesco Mannarino, grazie alla collaborazione di tre partners europei il progetto presentato ha ottenuto la valutazione massima, pari al 100% collocandosi ai primi posti della graduatoria. Si chiama “Erasmus plus” il programma europeo relativo all’ istruzione, la formazione e lo sport. Gli studenti che aderiranno al progetto avranno la possibilità di collaborare con altri studenti europei su tematiche di interesse comune. “La partecipazione a questo tipo di partenariato – si spiega in una nota stampa – rappresenta per la nostra scuola un’opportunità di cambiamento in una dimensione europea utile per stimolare processi di innovazione e miglioramento, promuovere i valori dell’inclusione e della tolleranza, sostenere la cittadinanza attiva europea e portare la dimensione europea a livello locale. Il nostro progetto – si aggiunge – è nato dall’esigenza di rendere l’apprendimento e l’insegnamento delle competenze del XXI secolo più interessanti, utilizzando il potere delle scienze motorie, della fisica, della matematica, delle scienze e delle risorse digitali. Attraverso un approccio olistico e multidisciplinare all’attività educativa, saranno applicati nuovi strumenti metodologici per l’apprendimento delle discipline STEAM. In tal senso si viene incontro anche alle direttive ministeriali, che, istituendo la settimana nazionale delle discipline scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche, hanno voluto sensibilizzare e stimolare l’interesse, la scelta e l’apprendimento di queste”. Gli studenti del “Raffaele Lombardi Satriani”, insieme a quelli provenienti da Turchia, Bulgaria e Macedonia del Nord avranno l’opportunità di cooperare e lasciare la loro footprint attraverso esperienze concrete, osservazioni e riflessioni. Nei prossimi mesi l’Agenzia Nazionale Erasmus+ assegnerà i fondi e sarà così possibile avviare le attività, che avranno una durata di due anni e si svolgeranno in parte a distanza sulla piattaforma digitale Etwinning e in parte in presenza con quattro mobilità.

Francesco Rizza

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp