Petilia Policastro. Appuntamento con la “Sagra della Castagna” l’11 e 12 novembre alla Sacra Spina.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Sospesa da qualche anno la “Sagra d’autunno” che a cura del Natess per più lustri ha consentito a Petilia di godere e riflette sulle ricchezze ed i sapori autunnali, ritorna nella cittadina dell’Alto Marchesato Crotonese la “Sagra della castagna” che, col patrocinio della Amministrazione comunale si svolgerà fra l’11 ed il 12 novembre. Ad ospitare l’evento il piazzale del Santuario della Sacra Spina, alle falde della Sila, immerso in quei castagneti che qualificano i boschi e l’agricoltura della Presila Crotonese. Ad organizzare l’evento  le Associazioni “Giovani in Azione” e “Persone Impegnate” in collaborazione con “A. R. A. CALABRIA” ed il club “Magna Grecia” di auto e moto d’epoca. Fra i vari momenti di intrattenimento, si segnala nel programma di giorno 11 il concerto della “Gino Carvelli Acustic Band” che, intorno alla chitarra battente di una delle colonne degli “Hantura”, ha unito le nuove leve degli “Hantura” e che, con le proprie canzoni,  proporrà un viaggio nel tempo nella storia e nelle tradizioni popolari di Petilia Policastro e delle cittadine limitrofe. In questo territorio, in un arco temporale ben definito e compreso fra la festa della Madonna del Rosario e la successiva raccolta delle olive, la raccolta delle castagne rappresentava una fonte di reddito per le famiglie del popolo, almeno sino agli anni Sessanta del Novecento, cui anche le donne partecipavano. Queste, quando i castagneti in cui dovevano raccogliere i preziosi e gustosi frutti erano lontani dal Centro abitato, si trasferivano per più giorni nelle “caseddre”: delle agili abitazioni in pietra in cui nel piano terra avveniva anche quella essiccazione delle castagne che rappresentava il maggiore se non unico metodo di conservazione del frutto.  Nella giornata di domenica, sarà possibile degustare piatti tipici della tradizione locale, la sfilata nel centro abitato delle auto e moto d’epoca e la loro benedizione nel piazzale del Santuario, l’intrattenimento dei bambini a cura della Rafael Animation” e “Attenti a quei due” e svolgendosi l’iniziativa a ridosso della festa di San Martino fra gli altri prodotti sarà possibile degustazione negli stand alcuni vini di Cirò. Da parte della Comunità Mariana delle Cinque Pietre, ormai inserita si nel tessuto sociale cittadino, sia sabato che domenica sarà possibile partecipare alla Santa Messa sia nella serata di sabato che nella giornata di domenica.

Francesco Rizza

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp