I quadri della petilina Perangela Bilotta esposti in Baviera. In svolgimento a Montecarlo la mostra d’arte contemporanea “ART3 MONACO”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

C’è un po’ di Marchesato crotonese, di Petilia Policastro per essere precisi, alla mostra “Art3F Monaco” in svolgimento in questi giorni  a Montecarlo in Baviera,  dove la PassepARTout Unconventional Gallery sta’ presentando i propri artisti nella mostra d’arte contemporanea “ART3F MONACO”.

Ad esporre i propri dipinti nella mostra d’arte contemporanea Pierangela Bilotta, artista petilina residente da anni a Milano, che nonostante questo mantiene saldi i propri rapporti con la cittadina dell’ Alto Marchesato crotonese. Giusto un anno fa, in questo periodo, Pierangela esponeva i propri quadri nel chiosco del santuario petilino della Sacra Spina, cuore di storia e di fede della Presila crotonese.

Nata a Petilia Policastro nell’ottobre del 1973, Pierangela ha conseguito il diploma presso il Liceo artistico di Catanzaro, proseguendo i propri studi peressol’Accademia di Belle Arti di Brera dove ha anche frequentato il corso di scultura del professore Igino Legnani. Vive e lavora nella Capitale meneghina, ma come dicevamo mantiene intensi rapporti con la Calabria dove le sue opere sono state esposte, al Museo di arte contemporanea MACSS di Santa Severina (KR) ed all’ Ospedale dell’Annunziata di Cosenza dove si possono osservare alcuni dei suopi lavori.

Quella di Pierangela, ha scritto negli scorsi giorni Antonia Falvo, è ” Una pittura che definirei “Intimista” tra il simbolismo e il surrealismo. L’esplorazione dei sentimenti e delle emozioni attraverso l’arte nel tentativo di raccontare un modo interiore che possa coinvolgere trasportare lo spettatore coinvolgendolo emotivamente”.

Sempre per la Falvo l’Artista di origini petiline, “è partita esplorando l’essere umano e la sua identità il conflitto e la fusione tra il maschile e il femminile attraverso la rappresentazione di figure androgine,per approdare gradualmente a soggetti soprattutto femminili.

Esprime la propria emozione per esporre i propri quadri nel Principato bavarese Pierangela Bilotta spiegando come ” gli artisti che partecipano arrivano da diverse parti del mondo in una location prestigiosa e lussuosa con una grande affluenza di pubblico.  Quella in corso  è, dunque una ccasione unica per trovare nuovi talenti e scoprire le Star di domani. Le mie tre opere esposte sono state realizzate nell’ultimo anno e rappresentano   un inno alla rinascita, alla trasformazione, al cambiamento , alla nostra capacità di rinascere dalle ceneri come una fenice”.

Francesco Rizza

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp