CROTONE – Il “Barlacchi” inizia una nuova avventura: l’ERASMUS +

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

È  arrivata in questi giorni una splendida notizia per l’Istituto Professionale “Barlacchi” di Crotone. Infatti l’Istituto è stato selezionato per l’importante progetto ERASMUS + AZIONE KA1. Dunque una nuova avventura aspetta l’Istituto diretto dalla D.S. Prof.ssa Serafina Rita Anania che, insieme al suo staff, composto dalla prof.ssa Concetta Masi, dal prof. Alessandro De Rosa, dal prof. Vincenzo Fera e dalla prof.ssa Antonella Bubbo, referente ERASMUS dell’Istituto, è riuscita in questa non facile impresa.  Erasmus+ favorirà lo sviluppo personale e professionale con la possibilità di sviluppare e condividere conoscenze, competenze e vivere esperienze europee di mobilità presso scuole, istituti e organizzazioni. L’obiettivo specifico del programma Erasmus+ in ambito scolastico, attraverso l’azione KA122 porterà l’Istituto ad essere assegnatario di numerose iniziative. Il progetto, nella sua azione specifica mira infatti a promuovere la mobilità degli individui e dei gruppi a fini di apprendimento e la collaborazione, la qualità, l’inclusione e l’equità, la creatività e l’innovazione al livello delle organizzazioni e delle politiche nel campo dell’istruzione e della formazione. L’Istituto, nel nuovo profilo post pandemico, ha ampliato la parte legata alle tematiche della Sostenibilità Ambientale e della Gestione delle risorse all’interno dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento, ed è proprio su questa scia che si innestano le attività proposte all’interno dei progetti, dedicati alla trasformazione digitale e alla partecipazione alla vita democratica – che rappresentano nel loro complesso le priorità tematiche del Programma Erasmus+. L’idea di aderire al seguente progetto è nata dalla volontà della DS di arricchire non solo l’offerta formativa presentata nel PTOF, ma soprattutto di dare ai docenti e al personale ATA, la possibilità di elevare le proprie competenze così da ampliare, sviluppare e gestire le iniziative legate ai progetti Erasmus.

 

ABSTRACT DEL PROGRAMMA DI ACCREDITAMENTO

Per far fronte alle richieste territoriali, non solo a livello locale, ma anche nazionale, l’Istituto “BARLACCHI” sta lavorando per riformulare il proprio approccio educativo-didattico, proponendo nuovi target in risposta ai bisogni di soggetti più deboli per età, disagio, provenienza geografica. L’Istituto si pone così, come obiettivo, una formazione professionale qualificata che risponda ai bisogni di un mercato del lavoro sempre più ampio e articolato, incentrato sulle nuove metodologie di Problem Solving con un know how consolidato.

Il progetto è diretto a:

1- Potenziare le competenze dello staff nell’uso della lingua inglese e nella metodologia CLIL al fine di favorire l’internalizzazione del piano dell’offerta formativa;

2- Contrastare la dispersione scolastica e favorire un ambiente di riflessione e orientamento in un contesto internazionale.

Sono stati previsti 20 corsi di formazione all’estero, scelti per 18 docenti e 2 fra il personale ATA, che saranno attivati a partire dal prossimo anno scolastico: 10 corsi di lingua a Malta volti a migliorare le competenze linguistiche di base; 5 corsi CLIL in Ungheria strutturati in un’ottica di approccio metodologico rivolto all’apprendimento integrato di competenze linguistico-comunicative e disciplinari in L2; 5 corsi di metodologie innovative in Slovenia che permetteranno di contrastare l’abbandono scolastico precoce e migliorare le competenze dello staff su tale tematica lavorando sulla motivazione allo studio dei ragazzi, sull’apprendimento e sulla prevenzione.

L’obiettivo finale è il potenziamento delle competenze linguistiche e metodologiche dell’intero staff (docenti e ATA inclusi), partendo dal loro sviluppo professionale e aprendo la strada per una crescita del territorio, passando per la cooperazione europea e l’internazionalizzazione dell’Istituto con nuovi approcci innovativi per l’insegnamento. Non solo i docenti partecipanti, ma in una sorta di processo osmotico, tutto il resto del corpo docente, acquisirà nuovi contenuti e metodologie in lingua straniera e potenzierà le competenze linguistico-comunicative e disciplinari in L2.

Il tutto permetterà un miglioramento dei risultati scolastici, una riduzione dell’abbandono scolastico, un potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio ed un miglioramento dei risultati nelle discipline professionalizzanti. La Dirigente Anania che, da quando è alla dirigenza dell’Istituto, ha sempre promosso la formazione, l’aggiornamento professionale e l’innovazione didattica di tutto il personale della scuola, si è detta più che soddisfatta del traguardo raggiunto. Sottolineando la tenacia e la perseveranza del team che ha lavorato al progetto, ha anche tenuto a ringraziare l’Ambasciatrice Erasmus+ Scuola per la Regione Calabria, la prof.ssa Ornella Pegoraro, per la dedizione e la professionalità con le quali ha saputo guidare il gruppo di lavoro, nuovo a questo tipo di esperienze. Ha poi concluso che il Piano di Sviluppo Europeo dell’Istituto Professionale di Stato “Anna Maria Barlacchi” mira alla centralità dell’alunno, futuro cittadino del mondo, come studente e come persona, e dello Staff della scuola così da favorire un apprendimento attivo, critico ed efficace in relazione ai continui mutamenti che avvengono nella società. L’Istituto “Barlacchi” ha appena iniziato questo viaggio e con lei alla guida, si ha la certezza di raggiungere tutti gli obiettivi prefissati.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp