CROTONE:  Al via in Africa missione di Confartigianato e della associazione “Fonte di Grazia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Si svolgerà fra il 13 e 17 novembre, grazie ad una collaborazione con la Confartigianato Imprese Crotone una missione umanitaria in Burkina Faso a cura della Associazione “Fonte di Grazia” e all’impegno di Febe e Gianni che, insieme a i 27 missionari di Mesoraca e Roccabernarda saranno impegnati nel loro viaggio della speranza. Nei 4 giorni africani, i volontari del Crotonese porteranno, salute e cure alla popolazione, ma soprattutto vogliono dare speranza a questa gente, soprattutto alle donne, neonati, anziani e disabili, affiancandoli per superare le principali difficolta quotidiane fra cui: fame, miseria e analfabetismo. Il Continente africano, è sconnesso dal resto del mondo, con un tasso di povertà del 41,1%, quattro volte superiore alla media mondiale. Inoltre, la mancanza di infrastrutture sanitarie, i problemi legati all’insalubrità nonché  le cattive pratiche igienico-sanitarie sono tra i fattori che causano malattie che dilagano in Burkina Faso. Grazie alle precedenti missioni si sono costruiti decine di pozzi, scuole e strutture sanitarie, sono stati finanziati vari progetti di sviluppo locale attraverso il microcredito, alle adozioni a distanza e agli incentivi all’artigianato. In un’ottica solidale e nella promozione dei i valori solidaristici e sociali dove chi ne ha la possibilità si mette a fianco delle fasce più deboli e fragili, La Confartigianato Imprese Crotone e Calabria hanno voluto sostenere il Progetto “Donne In Africa”. Si tratta di un progetto che Confartigianato Imprese Donna di Crotone ha portato avanti e che permetterà a molte donne a sviluppare attività imprenditoriali volta allo sviluppo della comunità  ed  al miglioramento delle condizioni di vita delle famiglie. In vari Paesi africani, le donne rappresentano il 60% della forza lavoro, particolarmente nell’agricoltura a  livello familiare. Sono, inoltre,  responsabili di attività come la coltivazione di ortaggi, la conservazione del raccolto, e la cura di piccoli animali da allevamento come pecore e capre. Le donne si occupano inoltre della nutrizione della famiglia. “Il nostro obiettivo – spiega Associazione “Fonte di Grazia” – è quello di sbloccare il potenziale delle donne e delle ragazze rurali come agenti del cambiamento e possano raggiungere pari opportunità, concentrandosi su aree chiave come la tutela della salute, l’indipendenza economica, l’educazione, la leadership e la partecipazione politica. Non è pensabile  – si aggiunge nella nota – che le nostre vite proseguano normalmente quando altrove nel mondo le persone vivono nell’ingiustizia e nella povertà. Il nostro scopo, quindi, é “vivere per dono” e mantenere aperta la porta agli altri”.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp