COTRONEI (KR) – Mercoledì 6 dicembre alle ore 18.00, sarà presentato: l’Inno dedicato a San Nicola, patrono di Cotronei

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

In occasione della Festa di San Nicola, presso la Chiesa parrocchiale dedicata al Santo Patrono della città di Cotronei ( KR) , il parroco Don Francesco Spadola, ci comunica che, durante la visita alla comunità da parte dell’Arcivescovo di Crotone- Santa Severina, Mons. Angelo Raffaele Panzetta, che amministrerà il sacramento della confermazione a diversi giovani del luogo e presiederà la solenne liturgia di giorno 6 dicembre alle ore 18.00, sarà presentato: l’Inno dedicato a San Nicola, patrono di Cotronei, scritto in parole e musica da Luigi Quintieri, noto compositore di musica sacra, già diplomato con il massimo dei voti in musica liturgica, di professione avvocato con un contratto da docente universitario. Luigi Quintieri, che negli anni ha avuto il privilegio di dirigere corali, nelle più importanti chiese della cristianità, compreso la stessa Basilica di San Pietro, nella città del Vaticano, vanta quasi un centinaio di composizioni di musica liturgica, raccolte in 7 pubblicazioni discografiche, tra cui una messa dedicata a Nostra Signora dello Scoglio, l’Inno Europeo di San Rocco ed il brano Gesù confido in Te, scritto su testo di Santa Faustina Kowalska. “L’ Inno di  San Nicola – chiosa Don Francesco Spadola- è una preghiera che riassume la vita e le virtù del Santo che, accompagnata dalla docilità e piacevolezza delle note, toccherà sicuramente i cuori dei fedeli del Santo”. Il brano ci riferisce Quintieri, essendo già presente da qualche settimana su tutti gli stores di musica, sta riscuotendo notevole interesse, dato che diverse parrocchie che celebrano la festa di San Nicola, hanno richiesto la partitura, per poterlo eseguire nelle loro Chiese. Nell’occasione, il coro polifonico parrocchiale di Cotronei, eseguirà su base orchestrale realizzata dall’autore, l’ Inno di San Nicola, presentandolo per la prima volta alla comunità, che avrà modo di seguire il testo, anche sul retro delle nuove immaginette, all’uopo realizzate a cura del parroco.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp