Cosenza : è morto Nuccio Ordine.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

La cultura italiana e calabrese hanno perduto una delle proprie menti migliori. È morto, infatti il professore Nuccio Ordine non c’è più. A Cosenza era uno dei maggiori studiosi a livello mondiale del Rinascimento italiano e particolarmente do Giordano Bruno. In Spagna, poco più di un mese fa, aveva ricevuto il prestigioso premio “Principessa delle Asturie”. Nato a Diamante nel 1958 aveva insegnato letteratura italiana nelle maggiori università europee ed anche in America. Era considerato una delle colonne del pensiero moderno ed amava tantissimo la Calabria. “Oggi – amava dire – si fa credere ai ragazzi che bisogna studiare per trovare un mestiere e guadagnare dei soldi, è falso. Si studia per diventare migliori”. Il docente non è riuscito a superare il malore che lo aveva colpito nei giorni scorsi nella sua casa a Rende e a seguito del quale era stato ricoverato in gravi condizioni nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Cosenza. Resterà, come le sue parole e quello che si può definire un testamento culturale consegnato ai giovani in una delle sue pubblicazioni più celebri, “L’utilità dell’inutile”. “Una cosa è certa – aveva scritto – se lasceremo morire il gratuito, se rinunceremo alla forza generatrice dell’inutile, se ascolteremo unicamente questo mortifero canto delle sirene che ci spinge a rincorrere il guadagno, saremo solo in grado di produrre una collettività malata e smemorata che, smarrita, finirà per perdere il senso di se stessa e della vita”.
Francesco Rizza

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp