Calabria social: “Noi Calabresi che” furoreggia su Facebook

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

di Salvatore Baronelli*

Era 13 giugno 2019, quando un po’ per gioco  un po’ perché annoiati dalle solite cose che si vedevano su Facebook, sempre così monotone e ripetitive con mia moglie Francesca, pensammo di creare questo gruppo. Tante furono le perplessità e le indecisioni del momento.

Ci chiedemmo: avremmo mai potuto portare avanti un gruppo, che non si limitasse solo a mostrare ciò che di bello potesse offrire la nostra Regione, ma che essenzialmente, avrebbe potuto far interagire nel concreto   più persone tra loro? Avremmo mai potuto creare “un diario personale allargato” su di un gruppo?!

Questa fu la grande novità  che ci spronò ad andare avanti: lo scambio interpersonale tra più utenti, e la creazione di un diario personale allargato, attraverso foto e video amatoriali, e soprattutto dirette Facebook  che ci raccontassero quel qualcosa in più che cercavamo da tempo, ovvero storie vita quotidiana che appartenessero a ciascuno di noi, tanto da essere “raccontate” al fine di renderne compartecipi gli altri.

Non dunque i soliti link presi da Facebook o le foto postate, così tanto per… essere ammirate. Non cercavamo “lo scatto perfetto”, invece, volevamo conoscere ciò che c’era dietro a quella foto, a quel video 📼 o a quella diretta, o meglio, chi c’era dietro e cosa provava in quel determinato momento, mentre ad esempio, guardava un tramonto o un bellissimo scorcio di un luogo e/o località.

Il gruppo pian piano prese forma, ed in men che non si dica, superammo fin da subito, ogni più rosea aspettativa. Sempre più persone si iscrissero! Addirittura in soli tre mesi raggiungemmo i 10.000 iscritti!

Oggi, siamo arrivati a più di 30.000 iscritti (in genere ci vogliono anni per arrivare a questi numeri, e tanti neanche ci riescono). Ma non siamo 30.000 iscritti, che si trovano qui tanto per, ma 30.000 AMICI che giornalmente ci raccontano chi sono, cosa vogliono e cosa si aspettano dal gruppo.

Guardate, tanti sono i gruppi e pagine a cui ciascuno di noi è iscritto, e qualcuno è composto addirittura da più di 100.000 utenti (ovviamente per ottenere questi numeri, occorre avere anche un sito web), ma andando vedendo alla fine, sono gruppi e/o pagine VUOTE, o meglio, con pochissime interazioni tra i membri (addirittura ci sono pagine che sponsorizzano in continuazione i loro “eventi”, o meglio PAGANO per avere like fittizi e senza senso, e nonostante questo non hanno i risultati sperati).

Ovviamente è anche vero il contrario, ci sono altrettanti gruppi e/o pagine validissime, che promuovono la nostra bella e bistrattata terra di Calabria, e dove le interazioni tra i membri sono assai elevate.

Ma a me onestamente interessa il NOSTRO gruppo, o meglio, mi fa enormemente piacere, che, a differenza di tanti altri, qui da noi si “dialoghi”, si “chieda”, “ci si informi” di continuo, su ciò che viene postato.

Ho sempre sostenuto, e continuerò a farlo sempre che, Facebook è un grosso calderone, dove si può trovare di tutto, ma se ben usato non potrà che allietarvi le giornate ed evadere per un attimo dal solito tran tran quotidiano che la vita ci propone.

Concludo, scusandomi per essermi dilungato, dicendo (e permettetemi di dirlo, o meglio scriverlo), che siamo diventati un po’ come una grande famiglia   conosciuta per caso, ed acquisita per scelta. Speriamo a questo punto di crescere sempre più “fino ad arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima..”.

  • Sociologo della Comunicazione

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp